Levriero Irlandese (Irish Wolfhound)

FCI Standard N° 160/ 02.04.2001

ORIGINE:
Irlanda

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:
13.03.2001

UTILIZZAZIONE:
Fino alla fine del 17° secolo, i levrieri irlandesi erano utilizzati in Irlanda per la caccia al lupo e ai cervi. Erano anche utilizzati per cacciare i lupi che infestavano una grande parte dell’Europa quando le foreste erano ancor intatte.

CLASSIFICAZIONE F.C.I.:
Gruppo 10 Levrieri
Sezione 2 levrieri a pelo duro
Senza prova di lavoro

BREVE CENNO STORICO:
sappiamo che i Celti avevano un levriero che probabilmente discendeva dai levrieri raffigurati per la prima volta nelle pitture egiziane. Come i loro cugini continentali, i Celti d’Irlanda s’interessavano all’allevamento dei levrieri di grande taglia. Questi levrieri irlandesi di grande taglia potrebbero aver avuto il pelo liscio o duro, ma, in seguito, fu il pelo duro a dominare, forse a causa del clima irlandese. La prima testimonianza scritta su questi cani è dovuta a un console romano, nel 391 dell’era cristiana, ma essi erano già presenti in Irlanda nel primo secolo dopo Cristo, quando Setanta cambiò il suo nome in “ Cu-Chulainn (il cane di Culann). Si fa menzione agli Uisneach (!° secolo) che portarono 150 cani nella loro fuga in Scozia. I levrieri irlandesi sono senza alcun dubbio all’origine dei Levrieri scozzesi. Coppie di levrieri irlandesi costituivano pregiati regali per le famiglie reali d’Europa, Scandinavia e di altri paesi, dal Medio Evo fino al 17° secolo. Furono inviati in Inghilterra, Spagna, Francia, Svezia, Danimarca, Persia, India e Polonia. Nel 15° secolo ogni Contea d’Irlanda doveva tenere 24 Wolfhounds, per proteggere le greggi delle fattorie dalle devastazioni di questo animale. Sotto Cromwell, il divieto (nel 1652) d’esportare Wolfhounds contribuì a preservarne il numero per un certo periodo, ma la scomparsa progressiva del lupo e la costante richiesta dall’estero ridussero il loro effetto fino a quasi l’estinzione verso la fine del 17 secolo.
Il ritrovato interesse per la razza andò di pari passo con la crescita del nazionalismo alla fine del 19° secolo. Il levriero irlandese divenne un simbolo vivente della cultura irlandese e del passato celtico. A questa epoca, un uomo appassionato e determinato, il capitano G.A.Graham, fece in modo di procurarsi i pochi levrieri del tipo Wolfhound rimasti in Irlanda e, con l’infusione del sangue Deerhound e di incroci, all’occasione, col Borzoi e l’Alano, finì per ottenere un cane che si riproduceva, nel tipo, ad ogni generazione. Fu ammesso finalmente che i prodotti che ne risultavano costituivano una legittima rinascita della razza. Il Kennel Club Irlandese creò una classe per l levrieri irlandesi quando vennero esposti nell’aprile 1879. Fu costituito un Club nel 1885.
Attualmente il Levriero Irlandese ha riguadagnato in parte la reputazione che aveva nel Medio Evo. È attualmente allevato in numero abbastanza consistente anche fuori d’Irlanda.

ASPETTO GENERALE:
L’Irish Wolfhound non dovrebbe essere pesante o massiccio come l’Alano, ma deve esserlo più del Deerhound, al quale d’altra parte assomiglia in generale. Di grande taglia e aspetto imponente, molto muscoloso, di costruzione forte ma aggraziata, movimento sciolto e attivo; testa e collo portati alti; la coda portata con una spazzola verso l’alto, con una leggera curva verso l’estremità.
La grossa taglia, includendo l’altezza al garrese e la proporzionale lunghezza del corpo,
è lo scopo da raggiungere e si desidera fermamente di mantenere una razza che stabilisce una media di 81 cm fino a 86 cm nei maschi, mostrando la potenza richiesta, attività, coraggio e simmetria.

COMPORTAMENTO-CARATTERE:
“agnello in casa, leone a caccia”

TESTA:
Lunga e orizzontale, portata alta. Le ossa frontali pochissimo rilevate, e piccolissima rientranza fra gli occhi

REGIONE DEL CRANIO:
Cranio: non troppo ampio

REGIONE DEL MUSO:
Muso: lungo e moderatamente appuntito
Denti: ideale la chiusura a forbice - accettata la tenaglia
Occhi scuri
Orecchi piccoli, a rosa (portati come il Greyhound)

COLLO:
Piuttosto lungo, molto forte e muscoloso, ben arcuato, senza giogaia o pelle lassa alla gola.

CORPO:
Lungo, con costole ben cerchiate
Dorso: piuttosto lungo che corto
Rene: leggermente arcuato
Groppa: molto ampia fra le punte iliache
Torace: molto profondo, moderatamente ampio; petto largo
Costole: ben cerchiate
Ventre: ben retratto

CODA:
Lunga e leggermente ricurva, di spessore medio, e ben fornita di pelo

ARTI:

ANTERIORI
Spalla: muscolosa, obliqua, dà ampiezza al torace.
Gomiti: ben sotto il corpo, non rivolti in fuori né in dentro
Avambraccio: muscoloso, di pesante ossatura, perfettamente diritto

POSTERIORI
Cosce: lunghe e muscolose
Ginocchio: ben angolato
Gamba: ben muscolosa, lunga e forte
Garretti: ben discesi e non deviati in fuori né in dentro.

PIEDI:
Moderatamente larghi e rotondi, non rivolti in dentro né in fuori. Dita ben arcuate e chiuse. Unghie molto forti e ricurve

ANDATURA:
Movimento sciolto ed energico

MANTELLO:

PELO
Ruvido e duro su corpo, arti e testa; specialmente irto sopra gli occhi e alla barba.

COLORE
I colori riconosciuti sono grigio, tigrato, rosso, nero, bianco puro, fulvo (color daino) o qualsiasi colore ammesso per il Deerhound.

TAGLIA E PESO:
Altezza desiderata nei maschi, da 81 ai 86 cm
Altezza minima nei maschi: 79 cm
Peso minimo nei maschi: 54,5 Kg
Altezza minima nelle femmine: 71 cm
Peso minimo nelle femmine: 40, 5 kg

DIFETTI:

Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerata come difetto e la severità con cui verrà penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità.
● Testa troppo pesante o troppo leggera
● Osso frontale troppo arcuato
● Arti anteriori torti; pastorali deboli
● Posteriore debole e una generale carenza di muscolatura
● Corpo troppo corto
● Dorso insellato o concavo o completamente diritto
● Orecchi larghi e pendenti piatti contro i lati del muso
● Piedi storti
● Dita divaricate
● Collo corto; piena giogaia
● Torace troppo stretto o troppo ampio
● Coda eccessivamente ricurva
● Tartufo di qualsiasi altro colore del nero
● Labbra di qualsiasi altro colore del nero
● Occhi molto chiari; rime palpebrali rosa o color fegato

N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto

Lista di punti in ordine di merito:

1 –Tipico : L’Irish non deve essere pesante e massiccio come l’Alano, ma più del Deerhound al quale tuttavia deve assomigliare nel tipo
2 – Grande taglia e aspetto imponente
3 – Movimento sciolto e energico
4 – Testa, lunga e piana, portata alta
5 – anteriori, con forte ossatura, perfettamente diritti, gomiti bene aderenti
6 – Cosce lunghe e muscolose – gambe molto muscolose – garretti ben angolati
7 – Pelo, ruvido e duro, specialmente irto e lungo sugli occhi e sotto la mascella
8 – Tronco, lungo, con buona cassa toracica, costole ben cerchiate – grande spazio fra le anche
9 – Rene arcuato, ventre ben retratto
10 – Orecchie, piccole, portate come i greyhound
11 – Piedi, moderatamente larghi e tondi; dita serrate, ben arcuate
12 – Collo, lungo, bene arcuato e molto forte
13 – Torace, molto profondo, moderatamente ampio
14 – Spalle, muscolose, oblique
15 – Coda, lunga e leggermente ricurva
16 – Occhi scuri

Il Club
Associarsi al Club del Levriero offre molte opportunità:

- sconto sul biglietto d'entrata e sulla quota d'iscrizione alle Manifestazioni svolte sotto l'egida dell'ENCI; 
- benefici assicurativi per Infortuni e Responsabilità Civile verso terzi H24;
- abbonamento gratuito al mensile "I NOSTRI CANI" (L'ENCI garantisce la spedizione del mensile a chi si associa entro il 31 marzo di ogni anno);
- abbonamento gratuito al periodico informativo del club "Levrieri";
- aggiornamento sulle manifestazioni organizzate direttamente dal Club, informazioni sulle razze tutelate;
- partecipare con il proprio Levriero all'assegnazione del titolo di campionato sociale.